di Sarah Biacchi *

 

 

L’EFFETTO CHE FA in scena all’OFF/OFF Theatre ricostruisce la sconcertante vicenda dell’ efferato omicidio di Luca Varani avvenuta il 4 marzo del 2016 ad opera di Marco Prato (suicidatosi successivamente in carcere) e Manuel Foffo in un appartamento del quartiere Collatino a Roma dopo ore di sevizie in una crescente spirale di sesso, alcool e droga.

Da subito si percepisce una straordinaria capacità di scrittura. Gli attori sono in sala durante l’ingresso del pubblico. Quando l’attore che interpreta Luca Varani si rivolge alla platea sentiamo con sollievo che un tema così delicato verrà trattato senza una scrittura scontata, didascalica. “Me chiamo Luca, c’ho ventitré anni, vivo a La Storta, periferia nord de Roma. So’ stato adottato quando c’avevo quattro mesi da un orfanatrofio di Sarajevo. So’ fiio de’ guera”.

Tutto è descritto con precisione, tutto è accuratamente feroce perche privo di morbosità. Anche il corpo nudo della vittima non è esposto con sfida agli occhi di chi non accetta la morte per crudeltà ma vorrebbe etichettarla, ghettizzarla per uso di sostanze, di sessualità eccessiva, di ricerca di potere. Gli attori (sublimi) che interpretano Prato e Foffo ci introducono nelle mani del male, chi perpetrato di generazione in generazione, chi teorizzato come unica vera ultima faccia dell’uomo. Ferocia, ultima Dea.

Non resta che un omicidio troppo difficile da raccontare visivamente se non attraverso l’astrazione della follia di una strobo, il silenzio in controluce prima di decidersi ad uccidere Luca (momento che toglie materialmente il fiato per compattezza di movimenti e pulizia dei corpi), ma soprattutto un gran finale. Non ci importa più perché Luca sia entrato in quella casa, ma tenendoci per mano ci mostra che anche noi, nella nostra tarda adolescenza vi siamo entrati. Abbiamo solo avuto la colpevole fortuna di uscirne, dalla casa del rischio eterno.

Andate a vederlo e uscirete come me in lacrime di nostalgia. Per Luca e per il buon teatro, quello buono davvero.

Fino a domenica 7.

 

con

Valerio Di Benedetto 

Riccardo Pieretti

Fabio Vasco

 

Scritto e diretto da Giovanni Franci

 

 

 

 

* Sarah Biacchi attrice, regista e cantante lirica.

Condividi su: