Abitare il corpo “without color”

Tra i principali poli multidisciplinari della capitale, Spazio Rossellini si fa luogo di riflessione con la rassegna IMPRONTE dove il linguaggio coreutico si fa strumento educativo a sostegno del vasto tema intorno lo sviluppo sostenibile.

Quattro serate; quattro progetti performativi i cui linguaggi coreutici solcano tracce indelebili lungo il processo di una sempre più consapevole sensibilità intorno i temi della sostenibilità economica, sociale ed ambientale.

Ph. Piero Tauro

Secondo tra i quattro appuntamenti, lo scorso venerdì è andato di scena lo spettacolo Without color ideato dalla coreografa Francesca La Cava. Performance, questa, che rientra in un più ampio progetto – una trilogia sull’abitare, per l’esattezza – nato successivamente un’esperienza residenziale della regista e che ha rafforzato in lei l’idea e la necessità di lavorare con performers di culture ed etnie differenti.

Without color ne è, difatti, l’emblema: una performance il cui focus non è altro che la diversità e la bellezza che ne è intrinseca. Così i quattro performers (Stefania Bucci, Gustavo Oliveira, Ashai Lombardo Arop e Antonio Taurino) entrano in dialogo tra loro esplorando la corporeità nelle sue molteplici sfaccettature attraverso l’universale linguaggio che gli appartiene. Il loro, un vero e proprio risveglio percettivo (dall’infanzia all’età adulta) guidato dalla primordiale musicalità del respiro; hara del nostro corpo. Si articola, così – tra il “sacro e il faceto” – un vero e proprio racconto di identità attraverso una partitura gestuale naturale attivando, altresì, meccanismi di improvvisazione. Pertanto è nel e dal corpo che ciascuno racconta la propria storia scoprendo – o riscoprendo – ad abitare il proprio Io; conoscendo la diversità come qualcosa più simile di quanto si possa immaginare.

GRUPPO e-MOTION in

Without color

Regia e coreografia, Francesca La Cava

Aiuto alla drammaturgia, Anouscka Brodacz

Assistente alla coreografia, Stefania Bucci

Musica originale, Flavio Pescosolido

Scene e costumi, Elisabetta Falqui

Disegno luci, Michele Innocenzi

Interpreti: Stefania Bucci, Francesca La Cava, Ashai Lombardo Arop, Gustavo Oliveira, Antonio Taurino

Impronte – La primavera della sostenibilità

Spazio Rossellini dal 12 al 26 maggio

Teatro Palermo
Isabella Terruso

Una farsa senza tempo

Alularia, ovvero come rendere contemporaneo Plauto In scena dal 21 al 25 febbraio presso la Sala Grande del Teatro Biondo

Leggi Tutto »