di Tonino Pinto *

 

“Napoli a Venezia” titolavano ieri i giornali, sottolineando la presenza cinematografica alla prossima Mostra del cinema di Venezia, che in gara per il Leone d’Oro proporrà in concorso ben cinque film italiani e ben tre fuori concorso, fra cui quelli del premio Oscar Paolo Sorrentino con il suo nuovo film E’stata la mano di Dio e Mario Martone che con l’attesissimo Qui rido io,riscopre con il grande Tony Servillo (anche nel film di Sorrentino), la vita, la famiglia De Filippo(Eduardo, Peppino e Titina) e la storia del grande drammaturgo Eduardo Scarpetta, mentre in terra  napoletana anzi salernitana, a pochi chilometri dalla costiera amalfitana più esattamente a Giffoni Valle Piana, esplode con tremila piccoli giurati in presenza e duemila stranieri provenienti da cinquantuno paesi fra film, eventi, incontri, la 51 edizione del Festival del cinema dei ragazzi nell’avveniristica Multimedia Valley.

Tante stelle presenti: il gruppo comico The Jakal , Claudia Gerini fresca di nomination al David di Donatello, il duo canoro Colapesce e Dimartino, che ha spopolato nell’ultima edizione di Sanremo con il tormentone Musica leggerissima e poi i popolarissimi protagonisti di Me contro te, scortati da ben cinque guardie del corpo saliti alla ribalta nel 2014 come youtuber, sovrani incontrastati della rete con oltre cinque milioni di visualizzazioni, ai quali si aggiungerà il  grande Silvio Orlando che riceverà la prestigiosa targa Truffaut alla carriera .

Fra gli eventi sugli schermi del Giffoni il cartoon in anteprima Il giro del mondo in ottanta giorni, molta curiosità’ per Fellinette ,un cortometraggio dedicato al grande Federico Fellini, che trae spunto da una bambina disegnata su un quadernino nel lontano 1971 dal maestro . La regia è di Francesca Fabbri Fellini nipote del grande regista.

In anteprima inoltre il Festival presenta Missione suicida, l’attesa nuova avventura cinecomic degli Antieroi DC, mentre i ragazzi guardati a vista, malgrado il Covid e le varianti  minacciose in agguato, hanno un solo imperativo: uno fiducia nel futuro e soprattutto credere in se stessi.

 

 

* Critico cinematografico e letterario, giornalista, dal 1976 inviato speciale RAI (TG1, TG2, TG3, TG3 Regionale, Rete Uno, Rete Due, Rete Tre) per Cinema, Spettacolo, Costume.

 

Condividi su: