Thanks for Vaselina, dieci anni di surreale verità sui rapporti umani

Al Teatro Vascello, fino al 28 maggio, in scena per i suoi 10 anni lo spettacolo cult di Carrozzeria Orfeo

Il foyer di Teatro Vascello a Roma è l’anticamera perfetta; sguardi raffinati, sensibili, attenti e interessati a cogliere ogni sfaccettatura dell’umano lo animano, carichi di aspettative per ciò che vedranno: fino al 28 maggio Thanks for Vaselina di Carrozzeria Orfeo drammaturgia di Gabriele Di Luca, regia di Gabriele Di Luca, Massimiliano Setti, Alessandro Tedeschi. Uno spettacolo che dopo dieci anni parla ancora dell’uomo e all’uomo di oggi, di un animo umano che spesso si traveste.

Thanks for Vaselinadedicato a tutti i familiari delle vittime e a tutte le vittime dei familiari – è la fotografia di un’umanità cattiva, che dietro la maschera del perbenismo è disposta a usare qualsiasi mezzo per il proprio personale tornaconto, noncurante dell’altro. Un’umanità instabile, intenta a celare i propri errori anche a se stessa, causando crepe e la fine di rapporti sociali. Un’umanità che però riesce a modo suo anche a perdonare.

La guerra tra USA e Messico ha portato alla distruzione di tutte le piantagioni di marijuana. Questo il pretesto per due amici senza arte né parte, assidui coltivatori di marijuana, per intraprendere un progetto che potrebbe portarli a svoltare. Fil cinico-disilluso, e Charlie, determinato animalista e difensore dei diritti civili, seppure con opposte motivazioni, decidono così di esportare dall’Italia al Messico la droga. Un’impresa che si rivela da subito surreale, anche per il contributo fornito dai singolari personaggi che prendono parte alla missione: Wanda, una trentenne obesa, insicura e membra di un fallimentare corso di autostima. Entrata improvvisamente nella loro vita, si conferma un’insospettabile corriere della droga. Con la complicità della madre di Fil, Lucia, una cinquantenne ludopatica appena uscita da una clinica per disintossicarsi dal gioco, Fil e Charlie preparano Wanda per il grande viaggio. La vicenda si complica in seguito al ritorno, dopo quindici anni di assenza, di Annalisa, padre di Fil ed ex marito di Lucia, con un passato segnato dalla droga, dagli abusi e da incontri insani.

Thanks for Vaselina – Massimiliano Setti e Gabriele Di Luca

Una narrazione che è terreno fertile per le singole storie personali e che disvela nella sua ironica drammaticità le debolezze, la sensibilità e le bassezze che accompagnano gli uomini e le donne nella vita di ogni giorno.

Un capolavoro di drammaturgia. Semplice, diretta, pop e mai banale. Capace di raccontare la vita di ciascuno senza mai far sentire lo spettatore parte in causa, talmente è surreale il contesto. Lì per lì non sembriamo sotto accusa anche noi, ma il sospetto si insinua dopo, e il pugno nello stomaco arriva, forte.
Una drammaturgia che seppur ricercata, non esclude nessuno. Valorizzata magistralmente dalla messa in scena, dai dialoghi rapidi, puntuali, che non lasciano scampo.

Thanks for Vaselina dopo dieci anni in giro per i maggiori teatri non ha perso smalto. Nel 2019 il testo è stato pubblicato dalla casa editrice CuePress. Il 4 ottobre 2019 è uscito nelle sale italiane THANKS! primo film di Gabriele Di Luca, prodotto da Casanova Multimedia, con nel cast Luca Zingaretti e Antonio Folletto. Dal 15 giugno 2020, per un anno, il film è stato su Netflix.

E nel 2023 le risate riecheggiano ancora fragorose nel buio, tra le poltrone. Come i pensieri mesti e penosi, che pure molto ci dicono di noi e di questo mondo.

spettacolo di CARROZZERIA ORFEO
drammaturgia Gabriele Di Luca
regia Gabriele Di Luca, Massimiliano Setti, Alessandro Tedeschi
con Gabriele Di Luca Fil, Massimiliano Setti Charlie, Sonia Barbadoro Lucia, Pier Luigi Pasino Annalisa, Carlotta Crolle Wanda
musiche originali Massimiliano Setti
luci Giovanni Berti
costumi Stefania Cempini
scene Lucio Diana
produzione Marche Teatro / Carrozzeria Orfeo

Teatro Roma
Elena Salvati

Ordinary Life

La disconnessione sociale dei tempi moderni “Se non puoi scegliere cosa fare, puoi ancora essere quello che sei?”. Questo è

Leggi Tutto »