di Maria Ester Campese

 

 

Appartiene alla corrente figurativo/realista Robert Hefferan, artista inglese contemporaneo del 1968. Nelle sue opere spesso sono raffigurate donne e coppie ambientati in sontuosi ed eleganti location, in morbide e sensuali posture sempre eleganti, le cui scenografie sono collocate in luoghi sontuosi come gli ampli scaloni presenti in diversi sui dipinti. Noto in particolare per l’attenzione che pone alle texture del derma, che rendono vive le figure rappresentate, così come i tessuti sapientemente realizzati con l’uso di cromie in un perfetto equilibrio tra ombre e luci, che riescono a rendere il senso del movimento e far emergere una certa luminosità anche interiore, dei protagonisti dei suoi dipinti. 

Osservare un’opera di Hefferan è un’esperienza coinvolgente per lo spettatore e trasferisce una sorta di stupore per l’estrema capacità tecnica ma al contempo le figure rappresentate sono armoniose e trasfondono una languida serenità. Sa perfettamente catturare e mettere in risalto non solo la figura, ma la personalità dei soggetti ritratti. Nei suoi dipinti Hefferan narra una storia, forse anche per questo è considerato tra i migliori pittori realisti contemporanei viventi. Nei suoi dipinti emerge chiaramente l’influenza del movimento preraffaellita cui evidentemente l’artista prende spunto. Nella poetica dei suoi dipinti vi sono rimandi al simbolismo e al tardo romanticismo affini appunto alla corrente preraffaellita. 

La precisione di ogni dettaglio rappresentato con la costruzione cromatica accuratissima sono molto prossime ad un’altra arte figurativa, quella della fotografia. Alcune sue tele infatti bisogna osservarle bene per non confonderle con uno scatto fotografico. I suoi inizi sono precoci e fin da bambino realizza disegni che esprimo già il suo naturale talendo. Si formerà successivamente alla Padgate Art School. Diversi i premi vinti in concorsi artistici durante il corso degli studi superiori e poi universitari. Ha lavorato anche come designer ed illustratore.

Condividi su: