di Tonino Pinto*

 

LEI È PETRA MAGONI, VOCE STRAORDINARIA CAPACE DI STUPIRE. GIÀ DUE VOLTE A SANREMO NEL ‘96 E ’97, FIGLIA ARTISTICA DEL CONSERVATORIO DI LIVORNO E DEL PRESTIGIOSO ISTITUTO DI MUSICA SACRA DI MILANO, CON ALL’ATTIVO SEMINARI DI IMPROVVISAZIONE E SOUND CON SHEILA JORDAN E CANTO ARMONICO E SINFONICO CON QUAN HAY, TANTI CONCERTI, TANTO TALENTO TEATRALE COME ATTRICE, COMPOSITRICE, CANTANTE, TANTA TV, TANTO CINEMA, TANTI DISCHI.

LUI È FERRUCCIO SPINETTI, CONTRABBASSISTA DI GRANDE TALENTO, GIÀ AVION TRAVEL.

SONO LORO I PROTAGONISTI SUL PALCOSCENICO CULT DEL TEATRO VITTORIA DI ROMA DI “TURANDÒ” DI MAGONI-SPINOTTI “LA MUSICA NUDA”, UN PROGETTO ARTISTICO CHE HA PARTORITO CON SUCCESSO DISCHI, DVD E MIGLIAIA DI CONCERTI IN TUTTO IL MONDO, ANCORCHÉ PREMI E RICONOSCIMENTI INTERNAZIONALI.

IN QUESTA TURANDÒ SENZA T FINALE SI SVILUPPA UNA DIVERTENTE SATIRA DELL’OPERA PIENA DI MUSICALITÀ E PREZIOSISMI RECITATIVI DAVVERO COINVOLGENTI. L’ENIGMA, CHE NON VI RIVELIAMO, DI QUESTA TURANDÒ È OVVIAMENTE LA SUA PROTAGONISTA, PETRA MAGONI, NELLE VESTI POP DI UNA PRINCIPESSA NELLA CINA DI IERI E DI OGGI, COMPRESO UN RIFERIMENTO AL FAMIGERATO CORONAVIRUS, COSTRETTA A CERCARSI UN CONSORTE, MA È SOLO UNA SCUSA PER UN VIAGGIO FRA SOCIETÀ E COSTUME CHE COINVOLGE TUTTO E TUTTI, DAL PALCOSCENICO AL PUBBLICO IN SALA!

QUESTA TURANDÒ, IN SCENA FINO AL 16 FEBBRAIO AL TEATRO VITTORIA DI ROMA, SI AVVALE DEI TESTI E DELL’OTTIMA REGIA DI MARTA DELLA VIA!

PETRA MAGONI, TALENTO DAI MILLE RISVOLTI, COME È RARO INCONTRARE, SARÀ ANCHE IN TELEVISIONE SU RAI3 NELL’ATTESISSIMO SHOW “SCHIANTO” AL FIANCO DI FILIPPO TIMI, UN GRANDISSIMO PROTAGONISTA DELLE SCENE TEATRALI ITALIANE!

* Critico cinematografico e letterario, giornalista, dal 1976 inviato speciale RAI (TG1, TG2, TG3, TG3 Regionale, Rete Uno, Rete Due, Rete Tre) per Cinema, Spettacolo, Costume.

Condividi su: