di Ilaria Sambucci

 

Finalmente il Teatro è tornato in Televisione! La Rai ha deciso di omaggiare, con un ciclo di 4 serate, uno dei più grandi Artisti del ‘900: Eduardo De Filippo.

Giovedì sera su Rai 3 è andata in onda una delle più famose opere di Eduardo, un’opera che lui stesso definiva “La più cara delle mie creature”: Filumena Marturano.

È una commedia in tre atti scritta nel 1946 da Eduardo De Filippo per sua sorella Titina. Dopo il successo riscosso a Teatro Eduardo portò, nel 1951, l’opera al cinema, accompagnato dalla meravigliosa Titina che ha saputo egregiamente fondersi in un personaggio così complesso. Successivamente ci sono state altre versioni teatrali e cinematografiche dove il ruolo di Filumena è stato interpretato da grandissime attrici come Regina Bianchi, Isa Danieli, Sophia Loren e Mariangela Melato.

Un’opera antica ma ancora attuale. Filumena è una donna con un passato da prostituta, ha tre figli illegittimi ed ha dedicato tutta la sua vita a Domenico Soriano, ricco donnaiolo che l’ha tolta dalla strada per farla diventare la sua amante. Quando l’uomo decide di sposare una giovane cassiera, Filumena si trova costretta ad escogitare qualcosa per salvare la sua vita e quella dei suoi figli.

La versione cinematografica che abbiamo potuto ammirare l’altra sera è stata adattata per la Tv da Massimo Ranieri e Gualtiero Peirce sotto la regia di Franza De Rosa ed è stata prodotta dalla RAI nel 2010. In questa rappresentazione Domenico Soriano è magistralmente interpretato da Massimo Ranieri mentre il personaggio di Filumena è stato affidato alla grande attrice Mariangela Melato. Ambedue sono riusciti in un’impresa piuttosto ardua, quella di “italianizzare” il dialetto napoletano pur mantenendo l’intensità emotiva dei dialoghi.  

Davvero toccante il monologo della Madonna delle Rose interpretato dalla Melato vicino alla finestra accompagnata dal sottofondo musicale di Ennio Morricone, ma il monologo di Filumena all’avvocato Nocella e ai figli, seguito dal dialogo tra la stessa e Domenico Soriano, è sicuramente la scena più suggestiva e più intensa perché: “I figli non si pagano!”.

Tra gli altri attori: Pino Ammendola nei panni di Alfredo Amoroso e la fantastica attrice “eduardiana” Clara Bindi che interpreta Rosalia. Tutta la storia si svolge dentro l’appartamento di Domenico Soriano, in una scenografia semplice che ci fa capire come la bravura e la tecnica degli attori possano riuscire a catalizzare completamente l’attenzione dello spettatore.

Se avete perso questo appuntamento, potete vederlo su www.raireplay.rai.it.

Gli appuntamenti con il grande Teatro di Eduardo continuano per le prossime tre settimane ogni Giovedì alle ore 21:20  su Rai 3.

 

Condividi su: