di Roberto Berlini 

Successo di pubblico per lo spettacolo di martedì 26 ottobre “Jazz in the Theatre” al Teatro Evelise. La cantante Valeria Rinaldi e il pianista Riccardo Biseo hanno proposto al pubblico le musiche di Richard Rodgers e dei parolieri Lorenz Hart e Oscar Hammerstein II: celebri autori dei musical di Broadway degli anni d’oro dello swing. Ospiti a sorpresa il sassofonista Stefano Di Grisoli e il pianista Gerardo Del Monte.

A due passi dal Colosseo c’è il Teatro Evelise: un ambiente piccolo e accogliente dove il personale è attento e garbato. Nel ricco cartellone di questa stagione spicca lo spettacolo di martedì 26 ottobre 2021 dal titolo “Jazz in the Theatre”, un concerto che ha visto come interpreti l’elegantissima cantante Valeria Rinaldi e il simpatico pianista Riccardo Biseo. Le chiari e divertenti spiegazioni hanno subito immerso il pubblico nell’atmosfera di Broadway e dei suoi musical dell’epoca doro dello swing: i suggestivi anni ’30 e ’40. Di questo vastissimo repertorio sono stati selezionati alcuni dei più celebri motivi nati dal genio di Richard Rodgers.

La prima parte del concerto ha visto l’interpretazione di canzoni come You Took Advantage Of Me” e “Manhattan”, nate dalla collaborazione tra Rodgers e il paroliere Lorenz Hart. Dal musical “Too Many Girls” del 1939 è stata proposta “I Didn’t Know What Time It Was” e per tutti gli innamorati in sala il celebre standard “My Funny Valentine”. A metà concerto è intervento come ospite a sorpresa il sassofonista Stefano Di Grisoli. Quest’ultimo con Riccardo Biseo ha dato vita ad una jam session eseguendo “Have You Met Miss Jones?” e l’indimenticato slow “Where or when?”: quest’ultima canzone divenne celebre in Italia con il titolo “Dove e quando?”, poiché venne adottata dal M.o Cinico Angelini come sigla della sua Orchestra da ballo dell’EIAR.

Lo spettacolo è poi proseguito seguendo la vita di Richard Rodgers, arrivando alla morte del collega Hart e la sua “sostituzione” con Oscar Hammerstein II. Di questa collaborazione è stato proposto “My Favorite Things” dal musical “Tutti insieme appassionatamente”. Ha concluso la serata la canzone slow “Blue Moon” (“Luna Malinconica”) con il commosso ricordo del pianista jazz prematuramente scomparso Adriano Urso. Nel pubblico era presente il fratello Emanuele Urso, noto direttore d’orchestra, clarinettista e batterista jazz.

Il pubblico ha chiesto a gran voce il bis, ma come il grande Paganini, il Maestro Biseo “non si è ripetuto”, o meglio, non si è potuto ripetere e così a stato sostituito a sorpresa da Gerardo Del Monte che casualmente si trovava nel pubblico. Il Maestro Biseo e Valeria Rinaldi sono un ottimo duo, sia musicalmente che scenicamente. Biseo ha una simpatia innata che crea spontaneamente situazioni divertenti che piacciono al pubblico e Valeria Rinaldi sta stare al suo gioco. Come detto Valeria è elegantissima – nel concerto abbiamo assistito a più cambi d’abito – e questo suo charme si riflette anche nella sua voce. Dal punto di vista degli arrangiamenti le canzoni erano senz’altro eseguite con garbata fantasia (come si chiede al Jazz), ma sempre con la stessa struttura canonica: breve introduzione del motivo al pianoforte, ritornello e strofe cantate, special al pianoforte, ritorno della cantante con l’esecuzione dell’inciso e coda finale. Ha rotto questo schema la jam session di Stefano Di Grisoli che ha trovato subito in Biseo un’affinità fondamentale per l’esecuzione in Hot Jazz. Prossimo appuntamento domenica 14 novembre.

Condividi su: