di Andrea Cavazzini

 

Chick Corea, per cinquant’anni uno dei più straordinari pianisti della scena jazz si è spento all’inizio di questa settimana in Florida a 79 anni. Fu il vero “architetto” del boom della fusione tra  jazz e rock negli anni ’70, per più di mezzo secolo fu uno dei principali pianisti jazz.

Si trasferì successivamente a New York City per studiare alla Columbia University e alla Juilliard, ma durò solo pochi mesi. Come Miles Davis, anche lui studente anni addietro, quando arrivò alla Juilliard, Corea si trovò rapidamente attratto dai tanti jazz club che brulicavano di gruppi e i suoi primi concerti li realizzò insieme a percussionisti del calibro di  Mongo Santamaría e Willie Bobo, così come con il cantante e leader dell’era swing Cab Calloway.

Alla fine degli anni ’60, Corea, ancora ventenne, si era già affermato come una forza emergente nel panorama jazz, suonando con nomi di spicco dello straight-ahead e del jazz latino, tra cui Dizzy Gillespie, Stan Getz, Mongo Santamaria e Sarah Vaughan. I suoi primi due album come leader, “Tones for Joan’s Bones” (1966) e “Now He Sings, Now He Sobs” (1968), sono diventati dei classici ottenendo all’epoca recensioni entusiastiche.

Nel 1968 subentrò al pianoforte al posto di Herbie Hancock nel quintetto di Miles Davis, La band entrò rapidamente in studio per registrare le tracce finali che avrebbero completato “Filles de Kilimanjaro“, il primo album di Davis con un piano elettrico. Un album che impresse una svolta stilistica della musica di Davis verso il rock e il funk, mossa incoraggiata dalla sua seconda moglie, la cantante Betty Davis.

Ma è stato suonare negli ensemble di Miles Davis che portò Chick Corea sulla strada che più definì il suo ruolo nel jazz. Ha suonato il piano elettrico in “In a Silent Way” (1969) e “Bitches Brew” (1970) di Davis, album che rappresentarono una svolta epocale nell’entrata della fusion sulla scena musicale.  

Il gruppo si espanse gradualmente di dimensioni man mano che Davis si addentrava più a fondo nel torbido mondo del suono dei suoi primi album fusion. Portò una versione della band “Bitches Brew” al festival dell’Isola di Wight nel 1970, il più grande concerto della sua carriera, davanti a un pubblico di 600.000 spettatori. Subito dopo aver suonato quel concerto, Corea e il bassista Dave Holland lasciarono gruppo di Davis e si unirono al batterista Barry Altschul e al sassofonista Anthony Braxton per fondare i Circle, un gruppo che ebbe breve vita, ma che lasciò un segno verso l’avant-garde.

All’inizio degli anni ’70, si convertì a Scientology e da quel momento la fede influenzò gran parte della sua musica e dei suoi lavori.

Poco dopo aver lasciato il gruppo di Davis, contribuì a fondare nel 1971 i Return to Forever sua storica band, con il sassofonista e flautista Joe Farrell, il percussionista Airto Moreira e la vocalist Flora Purim, con la quale pubblicò il suo album di debutto dalle influenze brasiliane e spagnole intitolato semplicemente “Return to Forever“; una tavolozza su cui sperimentare tutte le sfumature che la musica potesse mai consentire. Trascorse gran parte degli anni ’70 in tour registrando con la band, che divenne uno degli ensemble strumentali più popolari di quell’epoca.

E nel corso della sua carriera non abbandonò mai il suo primo amore, il pianoforte acustico, sul quale il suo tocco puntiglioso e il suo nitido senso dell’armonia hanno reso il suo modo di suonare immediatamente riconoscibile.

Nel 1972, Corea collaborò per la prima volta con il vibrafonista Gary Burton per registrare “Crystal Silence” per la stessa etichetta, la ECM, del suo album d’esordio. I due divennero poi amici e collaboratori di lunga data. Presi insieme, i due album ECM rappresentarono qualcosa di vicino alla piena ampiezza dell’identità di Corea come musicista. 

Un album che segnò un vero e proprio record durante la registrazione, che avvenne in sole tre ore; ogni canzone tranne una era una prima ripresa.  In seguito avrebbero continuato a registrare altri sette album di duetti, e continuarono ad esibirsi insieme fino al ritiro di Burton.

Continuavo a pensare, sicuramente finirà il vapore qui a un certo punto’“, disse Burton, “Ma non è mai successo. Alla fine, saremmo comunque usciti dal palco eccitati ed entusiasti di quello che stavamo facendo “. Alcune delle sue composizioni, tra cui “Spain“, “500 Miles High” e “Tones for Joan’s Bones“, sono diventati degli standard nel jazz, caratterizzati da armonie sognanti e melodie accattivanti.

Mantenne un fitto programma di tour fino alla fine degli anni ’70, e le sue esibizioni al Blue Note, in particolare, combinando sessions con amici di vecchia data e collaborazioni con giovani musicisti, tra vecchi cavalli di battaglia ma sempre con la ferma volontà di andare avanti. Quelle esibizioni hanno trovato la loro collocazione in una raccolta di tre dischi tra cui “The Musician” (2017), nati dalla permanenza di quasi due mesi al club nel 2011, in compagnia di “luminari” come il Herbie Hancock al piano, Stanley Clarke al basso, co-fondatore di Return to Forever e il vocalist Bobby McFerrin, in occasione della celebrazione del suo 70 ° compleanno.

Al tempo di quella performance al Blue Note, la carriera di Chick. Corea stava entrando in un capitolo di felice reminiscenza, ricco di concerti, di reunion e progetti retrospettivi. Continuando a costruire partendo dalle basi che aveva gettato fin dagli inizi della sua invidiabile carriera.

Sebbene fosse diventato il simbolo del movimento fusion, Corea non ha mai puntato sulle categorie musicali. “Sono i media che sono così interessati a classificare la musica“, dichiarò al Times nel 1983, “i media e gli uomini d’affari, hanno un interesse acquisito nel mantenere il marketing netto e separato. Se i critici chiedessero ai musicisti le loro opinioni su ciò che sta accadendo, scopriresti che c’è sempre una sorta di fusione in atto. Tutto ciò significa uno sviluppo continuo, una fusione continua di flussi diversi “.

Nel 2013, ha pubblicato due album che introducevano nuove band: “The Vigil“, con un quintetto “elettrico” di musicisti più giovani, e “Trilogy“, un album con un trio acustico al quale si aggiunsero successivamente il bassista Christian McBride e il batterista Brian Blade.

il critico Nate Chinen, commentando sul New York Times un suo concerto al celebre Blue Note di New York nel 2006, scrisse: “Il suo pianoforte Fender Rhodes suonava e cinguettando sui ritmi latino-americani, la voce femminile si mescolava al battito rilassante di un flauto, per poi trasformarsi in un ensemble muscoloso da band fusion iperattiva. Nella misura in cui esiste un’eredità di “Return to Forever”, comprende entrambi questi estremi dinamici, ciascuno un aspetto della personalità di Corea.

Alla fine della sua carriera, Chick Corea arrivò a registrare quasi 90 album come leader e co-leader di band vincendo ben 23 Grammy Award, più di quasi ogni altro musicista, oltre a tre Latin GrammyNel 2006 è stato nominato National Endowment for the Arts Jazz Master, la più alta onorificenza a disposizione di un musicista jazz americano.

Chick Corea ha pubblicato una serie di altri importanti album fusion da solo, tra cui “My Spanish Heart” (1976) e una serie di registrazioni con la sua Elektric Band e la sua Akoustic Band. Più tardi nella sua carriera si è avvicinato alla tradizione classica occidentale, registrando opere di compositori come Mozart e Chopin e componendo un intero concerto per orchestra classica, dimostrando una versatilità seconda a nessuno abbracciando stili e ambientazioni diverse grazie alle sue molteplici collaborazioni.

Nel 1997, nel discorso di apertura al Berklee College of Music, Corea nell’esortare gli studenti a perseverare nella ricerca di una propria strada nel mondo della musica dichiarò. “Va bene essere se stesso, In effetti, più sei te stesso, più soldi guadagni.

 

Condividi su: