Quei “tipi di gentilezza” che sono congeniali a Lanthimos

In circolazione nei cinema di tutta Italia, il film del regista greco tra pubblico e una critica divisa

È arrivato da qualche giorno nelle sale cinematografiche italiane dove lo hanno già visto più di centomila persone Kinds of Kindness, il film del regista greco di Povere creature Yorgos Lanthimos, interpretato dal premio Oscar Emma Stone e da Willem Defoe e  Jesse Plemons che per la sua interpretazione ha ricevuto a Cannes il premio come miglior attore. Il film accolto dalla critica internazionale da pareri discordi è un’opera che si articola in tre episodi ed è stato definito feroce, beffardo e surreale, dove si mischiano come in un puzzle, paura, desiderio, sottomissione e libertà e dove Emma Stone, assai lontana dalla prova di Povere creature da il meglio di sé e  dove la strategia di Lanthimos di utilizzare gli stessi attori crea un senso di continuità tra le tre storie.

 Il film scandito dal ritmo di Sweet dreams degli Euriythmics  interpretata da Anne Lennox, ci restituisce una fiaba noir contemporanea che si snoda in centosessanta minuti ambientata nella periferia senz’anima di New Orleans nel profondo sud dell’Alabama, perduta fra alcol, solitudine, misteri e automobili dove l’essere umano annaspa e dove perfino casa propria non è un luogo sicuro.  ossessionati da un’umanità’ aggressiva, dissacrante e caoticamente confusa un po’ come in Fronte del porto di Kazan o forse  di Fellini. Lanthimos lascia soli i suoi personaggi con i loro sogni perduti, le loro miserie e le loro paure in un cocktail intriso di sesso e musica d’annata come How Deep Is Your Love dei Bee Gees

Il resto scopritelo da soli! Particolarmente riuscito il secondo episodio dove si racconta di Daniel un poliziotto disperato a cui hanno rapito la giovane moglie durante una vacanza al mare fino a quando al suo ritorno è sicuro che si tratti di un’impostora! In conclusione un film recitato magnificamente e arricchito dalla fotografia di Robbie Ryan tra i candidati degli Oscar 2024 proprio per Piccole creature, per la sua capacita di raccontare storie attraverso paesaggi visivi.

Teatro Roma
Elena Salvati

Il dolore ereditato

Il contesto sardo raccontato da Michela Murgia Bonaria e Maria sono madre e figlia cresciute insieme in un contesto sardo

Leggi Tutto »