di Andrea Cavazzini

 

Diane Keaton l’eroina di “Manhattan” e “Io e Annie“, film che le è valso l’Oscar come migliore attrice nel 1978, compie oggi 75 anni di cui oltre 50 trascorsi sotto i riflettori.

Non si è mai sposata e ha scandito il suo tempo grazie all’indipendenza e l’audacia con cui ha portato avanti la sua carriera, la sua immagine e i suoi amori, da Woody Allen a Warren Beatty fino ad  Al Pacino.

Ha rappresentato il prototipo della donna libera e indipendente con una personalità eccentrica e schietta ma anche un’icona di stile con il suo look inconfondibile.

E’ difficile dissociare Diane Keaton dal suo iconico look androgino, da maschiaccio-intellettuale che ha segnato tutta la sua carriera, influenzando lo stile delle donne dell’epoca.

E poiché era un’icona della moda sul grande schermo molto prima che Instagram esistesse, Diane Keaton è diventata, quasi inconsapevolmente, una vera influencer con 1,8 milioni di followers. A 75 anni, l’attrice pubblica regolarmente i suoi look del giorno davanti allo specchio come qualsiasi millennial, fedele al suo stile femminile-maschile, sfoggiando look firmati dai più grandi designer di moda.

Senza prendersi troppo sul serio, l’attrice si diverte a rivisitare i classici mantenendo il suo stile iconico. L’attenzione ai dettagli, gli accessori giusti e molto umorismo, forse questo è ciò che ha reso Diane Keaton un riferimento. A riprova che l’eleganza non passa mai di moda.

Il suo primissimo ruolo fu a teatro nel musical” Hair”, dove rifiutò di spogliarsi nella scena finale ma che rappresentò per la giovane Keaton un inizio molto promettente che la condusse alla corte di Woody Allen alla ricerca di una giovane attrice da inserire nel cast di “Provaci ancora Sam” del 1969 del quale fu sceneggiatore e interprete ma diretto da Herbert Ross, ruolo che le diede una certa notorietà ma che segnò anche l’avvio di un’importante relazione con il regista newyorchese durata cinque anni, trasformandola in musa e attrice prediletta.

Grazie a Woody Allen, Diane Keaton ha vinto anche un Oscar come migliore attrice, per il ruolo di Annie Hall. una donna bella e intelligente dall’umorismo devastante in “Io e Annie” del 1976, un’opera che il grande regista ha scritto pensando a lei, un sodalizio artistico che li ha portati a lavorare insieme ad altri sette film dal “Dormiglione” a “Amore e Guerra”, da “Manhattan” a “Radio Days”.

La collaborazione artistica e sentimentale con Allen si tradusse in diverse partecipazioni importanti, ma fu Francis Ford Coppola a lanciarla definitivamente affidandogli il ruolo di Kay Adams fidanzata e poi moglie di Michael Corleone nella trilogia de “Il Padrino”, accanto a Marlon Brando, Al Pacino, James Caan e Robert Duvall nato anche lui il 5 di gennaio, festeggia invece i 90 anni.

Coppola, dichiarò successivamente di aver scelto la Keaton perché aveva la fama di essere una donna dalla personalità molto forte ed eccentrica: nel 1972 era ancora mezza sconosciuta, ma il regista la volle comunque proprio per questa caratteristica che, secondo lui, avrebbe reso il suo personaggio più umano.

Il Padrino” la fece conoscere al grande pubblico, ma non fu un lavoro facile: le riprese furono estenuanti e l’attrice temette sul buon esito del film. Invece, le cose andarono molto diversamente e il successo fu enorme.

Tra le oltre cinquanta pellicole girate meritano di essere ricordate “Reds” del 1981 diretto da Warren Beatty con la Keaton nel ruolo della giornalista Louise Bryant in, ruolo che le valse un’altra nomination all’Oscar.

Misterioso omicidio a Manhattan” del 1994, ultimo film girato insieme a Woody Allen, candidato al Golden Globe, con la brava Diane nell’inedito ruolo di detective suo malgrado, alla ricerca della verità sulla misteriosa morte della vicina di casa a causa di un attacco di cuore. Un thriller, con un tocco di umorismo, in uno dei ruoli più iconici da lei interpretato.

Poi nel 2003 è la volta di “Tutto può succedere”, una delle commedie americane più divertenti, dove la Keaton nei panni di una scrittrice freelance e donna forte, cade sotto l’incantesimo del compagno di sua figlia, interpretato nientemeno che del grande Jack Nicholson. Ma il suo cuore da scapolone maturo ed impenitente vacilla, soprattutto perché anche il medico di Nicholson interpretato dal “belloccio” Keanu Reeves si innamora della Keaton. Un triangolo amoroso pieno di aneddoti e risatine, e in cui l’attrice sembra totalmente a suo agio. Fino alle ultime due pellicole: una è “Book Club” del 2018 insieme a Jane Fonda a dimostrazione che non c’è età per conoscere l’amore a prima vista, e lo scorso anno “Poms”, su un gruppo di donne residenti di una casa di riposo che decidono di formare un gruppo di cheerleader.

A quanto pare per la “signorina“ Keaton, la vecchiaia e la pensione non sono comunque tra le sue preoccupazioni immediate e crediamo che anche se il suo telefono non squillasse per qualche proposta di un nuovo film,  Diane avrebbe sicuramente il suo da fare tra i tanti hobbies che continua a coltivare. Una vera icona di Hollywood che non si è mai sposata nonostante le sue lunghe storie d’amore e chissà come sarebbe stata la sua vita se avesse sposato qualcuno a cui teneva veramente. Si sarà persa qualcosa? Forse, ma non si può avere tutto.

 

Condividi su: