Sostienici per sostenere la cultura

 

Hai una scuola di recitazione, danza, musica? Vuoi promuovere la tua attività e/o la tua compagnia teatrale? Contattaci via mail cliccando sul logo per conoscere le nostre proposte e i nostri servizi.

Caricamento Eventi

« Tutti gli Eventi

‘Connessioni. Raccontare la speranza’ a Palazzo Blu di Pisa

23 Aprile - 25 Settembre

 Palazzo Blu – Pisa

 

Dal 23 aprile al 25 settembre

 

‘Connessioni. Raccontare la speranza’

 

in mostra disegni originali, foto e video che raccontano le migrazioni

La mostra ‘Connessioni. Raccontare la speranza’ affronta il tema delle migrazioni e dei migranti e presenta al pubblico una selezione di disegni originali, oltre a fotografie e video, tratti dai volumi Lamiere, Salvezza e storiemigranti. Gli autori delle opere sono Nicola Bernardi, Sio, Lelio Bonaccorso, Marco Rizzo, Danilo Deninotti, Giorgio Fontana, e Lucio Ruvidotti, alcuni dei più interessanti disegnatori e illustratori della scena contemporanea, affiancati nel racconto delle storie dei migranti da altrettanti brillanti giornalisti e narratori. I volumi, da cui sono tratte le opere, sono stati pubblicati da Feltrinelli Comics tra il 2018 e il 2019,  e sono riconducibili al graphic journalism.

La mostra, curata da Giorgio Bacci, si apre a Palazzo Blu di Pisa dal 23 aprile e sarà visitabile fino al 25 settembre.

Il viaggio inizia in Africa, in uno degli slum di Nairobi, Deep Sea, con i disegni originali di Lamiere, frutto della collaborazione tra l’illustratore Lucio Ruvidotti e gli scrittori/giornalisti Danilo Deninotti e Giorgio Fontana. Il libro è un’acuta opera di graphic journalism, che presenta al lettore operatori umanitari e ragazzini ‘fatti’ di colla, infermiere e bambini sieropositivi dalla nascita, ma scorge all’orizzonte anche la speranza di una rinascita. Il tratto grafico netto, i colori vivi e talvolta allucinati, evidenziano una delle particolarità tecniche dell’artista, che unisce china e digitale.

La seconda tappa è la traversata del Mar Mediterraneo descritta in Salvezza: l’illustratore Lelio Bonaccorso, nel 2019, insieme al giornalista Marco Rizzo, autore della sceneggiatura, si imbarca sulla Aquarius, e documenta attraverso matite, macchine fotografiche e riprese video, le attività di salvataggio condotte dalla nave in mare aperto. I risultati dell’inchiesta vengono pubblicati in un lavoro  – si parla ancora di graphic journalism – di grande forza emotiva e qualità grafica. Il lettore segue le vicende dell’equipaggio e al contempo apprende le storie dei migranti salvati in mare, in fuga dalla guerra e dalla disperazione.

Seguendo un percorso fatto di associazioni tematiche e iconografiche, gli sguardi disperati di Salvezza diventano i volti ricchi di memoria degli uomini e delle donne di storiemigranti, nato dalla collaborazione tra il fumettista Sio e il fotografo Nicola Bernardi. Trentadue migranti, ciascuno introdotto da una foto-ritratto iniziale che sfida lo spettatore a un confronto diretto, raccontano storie di vario genere, spaziando dal registro tragico a quello comico. Sorta di haiku giapponesi in cui convivono quotidianità e surreale, i racconti danno vita a un affresco sfaccettato e complesso, dove i sogni confinano con incubi e ricordi terrificanti.

In mostra è possibile osservare la varietà delle tecniche impiegate dagli illustratori contemporanei,  dall’acquerello al digitale, e studiare l’intero procedimento artistico, potendo ammirare non solo le tavole originali  – oppure le stampe tratte da elaborazioni digitali come nel caso di Sio – ma anche il materiale preparatorio, formato da quaderni, fotografie e disegni.

“Il filo conduttore di ‘Connessioni. Raccontare la speranza’ è lo sguardo sulle migrazioni e sui migranti – spiega Giorgio Bacci, curatore della mostra – non uno sguardo pietistico, piuttosto una poetica attiva dello sguardo stesso, in grado di cogliere le connessioni cui si fa riferimento nel titolo: si tratta di forme unitarie complesse e mobili, specchio delle relazioni umane e di una ricerca di identità articolata, non semplice e immediata, ma paziente e meditata. L’identità nasce così dall’unione dialetticamente armonica di diverse individualità, ognuna particolare e portatrice di una memoria personale che diventa storica nel confronto con “l’altro”, ridefinendo modalità e percezioni del mondo contemporaneo. L’esposizione consente dunque al visitatore di avvicinarsi a delicati temi di attualità attraverso gli occhi sensibili di abilissimi artisti e fotografi, che dialogano con nodali temi storico-artistici”.

“Dopo il grande successo di Keith Haring e ‘Attitude’, chiusa da pochi giorni sulla pittura di strada, arriva a Palazzo Blu il graphic journalism di ‘Connessioni’ – commenta Cosimo Bracci Torsi, presidente di Palazzo Blu – curata da Giorgio Bacci, essa riprende la tradizione delle mostre estive di grafica e presenta reportages  di disegni originali e fotografie sulla migrazione, uno dei temi più difficili e drammatici dei nostri giorni”.

“La Fondazione Pisa saluta con piacere l’apertura della mostra ‘Connessioni. Raccontare la speranza’.  Stavolta il tema sono le migrazioni e le persone che ne sono al centro. Storie di attualità, che l’esposizione  racconta attraverso fumetti, disegni e foto tratti da alcuni libri di graphic journalism. Sono storie raccolte sul campo dagli autori, illustratori e giornalisti, storie vere, vissute e significative. Per questo, crediamo, importanti da far conoscere al pubblico”, spiega Stefano Del Corso, Presidente della Fondazione Pisa.  

La mostra è organizzata da Palazzo Blu e dalla Fondazione Pisa in collaborazione con Feltrinelli Comics. Il catalogo della mostra è stampato da Felici Editore.

È aperta al pubblico dal 23 aprile al 25 settembre, dal martedì al venerdì con orario 10 – 19, il sabato la domenica e nei festivi dalle 10 – 20. Per info palazzoblu.it

 

Dettagli

Inizio:
23 Aprile
Fine:
25 Settembre
Categoria Evento:
Tag Evento:
, , , , , , , ,

Luogo

Palazzo Blu
Lungarno Gambacorti, 9
Pisa, Italia
+ Google Maps
Telefono:
050 916950

Copyright © 2020 All rights reserved.