“Andy Warhol. Icona Pop”: la mostra che celebra il grande artista a Padova

Un luogo dove immergersi nel colore, nell’immagine, nell’odierno diventato opera è il Centro Culturale Altinate (San Gaetano) di Padova, con la mostra Andy Warhol. Icona Pop. Un’occasione per riscoprire il genio artistico e la sua prospettiva, ancora viva e presente nel mondo contemporaneo.

Il protagonista è lui, l’artista della Pop Art, l’uomo visionario capace di catturare la superficie per immortalarne la profondità. Andy Warhol e la sua personale modalità di concepire e creare arte trovano spazio in questa mostra a Padova, aperta fino al 29 gennaio 2023.

L’esposizione è una scoperta e una riproposizione del noto, del contemporaneo, del comune visivo rimessi al centro e in gioco grazie a punti di vista e significati più profondi di quello che in apparenza i soggetti manifestano. Con Warhol, lo scontato svanisce. La zuppa Campbell’s assume un ruolo che va oltre a quello che fisicamente è. Il focus si sposta sulla rappresentazione, su ciò che gli oggetti e i personaggi rappresentano, incarnano nell’immaginario, nella cultura. Warhol li investe di un significato collettivo, di massa: le sue opere divengono icone, sono di fatto le icone del Novecento e in questo sta il passaggio chiave, esposto a Padova. Anche il comune diventa universale, visibile. Tutti si ripete e si amplifica, diventa alla portata della massa. Ogni cosa si consuma senza consapevolezza, è merce e contraddizione allo stesso tempo.

Se il concetto di icona trova radici nella formazione e nell’identità di Warhol (i genitori erano di origine slovacca), lui stesso ne reinventa il senso: la sacralità lascia il posto al comune, al conosciuto da tutti, al diffuso. Quindi copiato, ripetuto, il commerciale. Non c’è più niente di intoccabile e intangibile. Nasce l’icona di un’epoca e di un mondo: il pop, la cultura di massa, legati all’intento dell’artista di rivelarne i tratti e le contraddizioni.

Con le sue sei sezioni, la mostra raccoglie più di 150 opere: dagli oggetti ai grandi marchi, dalla New York degli anni Sessanta ai miti della musica e di numerose personalità come Mick Jagger, Mao Zedong, Miguel Bosè, Sylvester Stallone, John Lennon, e Marlyn Monroe, la celebrità per eccellenza. Dai soggetti della carta da parati (i “Flowers” per esempio), agli esponenti politici fino alla celebre discoteca americana Studio 54.

I protagonisti sono tutti loro, con il carico di significato che i colori sgargianti, talvolta contrastanti, nascondono. Un viaggio che raccoglie ed espone la cultura di massa. L’immagine diventa ben altro: rappresenta il comune, il reale e, allo stesso tempo, rimane cristallizzata, ferma, resa unica. Comunica qualcosa del mondo, di noi.

Questa è l’icona di Warhol, talmente conosciuta e riconosciuta da “superare” il suo creatore, riprodotta in serie nel mondo e dallo stesso Warhol, con quella sorta di paura, di ossessione personale che in profondità lo turbava e animava. “L’attrazione che provo nel lasciare che le immagini si ripetano all’infinito manifesta la mia convinzione: sprechiamo la maggior parte delle nostre vite a guardare invece che ad osservare” è una delle citazioni proposte, che ben si lega a questo suo continuo riprodurre, alla ripetizione quasi maniacale. L’icona ha esattamente un potere, che la mostra evidenzia: superare il tempo, la dimenticanza e addirittura il suo ideatore, per restare lì, ferma. Un simbolo che parla al mondo in continuo cambiamento e che per questo occorre osservare attentamente, oltre la patina superficiale.

Ladies and Gentlemen (Wilhelmina Ross), 1975, Serigrafia su carta Arches, 110.5 x 72.4 cm, © The Andy Warhol Foundation for the Visual Arts Inc

Al Centro Altinate i disegni, le serigrafie, le incisioni, le sculture e le cartoline realizzate da Warhol si susseguono, tracciando un percorso affascinante e ricco. Vedere queste opere significa entrare in contatto con quello che Warhol stesso intendeva criticare, rappresentare e raccontare. Un mondo fatto di consumo e di massa, di luci e di ombre rappresentate da ciò che quotidianamente popola il mondo. Ieri come oggi, la sua visione è ancora qui, testimone che parla e descrive quello che noi non ci accorgiamo di vivere ogni giorno. L’icona umana e artistica che resiste e continua a vivere, alla fine, è proprio lui.

Teatro Palermo
Isabella Terruso

Una farsa senza tempo

Alularia, ovvero come rendere contemporaneo Plauto In scena dal 21 al 25 febbraio presso la Sala Grande del Teatro Biondo

Leggi Tutto »