100 anni di Francesco Rosi: quando il cinema è denuncia del potere!

Il 15 novembre del 1922 nasceva Francesco Rosi e tra un festival e l’altro, il mondo del cinema tributa un omaggio al grande regista napoletano a cento anni dalla nascita. Un secolo che sembra un giorno perché ” la memoria di chi ha amato e ama il suo cinema è intatta”.

Il cinema di Francesco Rosi che elaborò un nuovo stile narrativo raccontando il potere e le sue connessioni con il mondo del crimine organizzato, è così attuale che ora, come scrive Emanuele Lamberti: «Se Rosi sapesse (e credo lo sappia ovunque si trovi) che lo rimpiangono, con l’aria che tira perfino l’Italia degli intrighi e dei misfatti vivisezionata dai suoi film».

Un Leone d’oro alla Mostra del Cinema di Venezia e Palma d’oro nel 1972 a quello di Cannes e un Leone d’oro alla carriera nel 2012, sono solo alcuni dei riconoscimenti ricevuti in tutto il mondo da Francesco Rosi. A Venezia nell’ultima intervista che mi rilasciò, gli chiesi se riusciva a fare una classifica dei suoi film fra quelli che aveva amato di più. Mi rispose da buon napoletano: «I film per un regista innamorato del cinema sono tutti piezz‘ ‘e core come i figli».

Cristo si è fermato a Eboli, CarmenSalvatore Giuliano, Cadaveri eccellentiI Tre fratelli con Philippe Noiret e due giovani come Michele Placido e Vittorio Mezzogiorno, Le mani sulla città che è anche il titolo della mostra inaugurata a Torino al Museo Nazionale del Cinema curata dalla figlia Carolina e da Domenico De Gaetano con Mauro Genovese Maria Procino, dove viene ripercorsa la lunga carriera di Francesco Rosi, un maestro del cinema verità, che è parte viva della storia stessa del cinematografo moderno. «Conoscere Francesco Rosi e il suo cinema», ha dichiarato l’attore e regista John Turturro che con Rosi partecipò al film tratto dal romanzo di Primo Levi La tregua. «É stato uno degli eventi più rilevanti della mia vita. Lui mi è stato vicino anche quando ho realizzato Passione il mio docu-film dedicato a Napoli. Il nostro anello di congiunzione fu Martin Scorsese, che mi fece vedere Salvatore Giuliano e poi tanti suoi film li vidi al Lincon Center di New York, in occasione di una retrospettiva come Il caso Mattei e Lucky Luciano, in cui lavorò per la quarta volta con Gian Maria Volontè, il suo attore feticcio. «I film di Rosi, trattano della condizione umana, della politica, della corruzione e del posto che l’uomo occupa nel mondo», ha concluso Turturro.

Quando andai in California ad intervistare Rod Steiger, il protagonista di Le mani sulla città, mi disse che girare a Napoli quel film fu un’esperienza unica e indimenticabile. Erano gli anni sessanta, si viveva non solo sullo schermo la Napoli legata alla cronaca delle grandi speculazioni edilizie, “Ho amato tutto di quel film: Rosi, gli attori, Raffaele La Capria che scrisse con Rosi quel film, fino al successo di Venezia e alla Coppa Volpi come miglior attore protagonista. Ho finito per amare anche Edoardo Nottola, spudorato impresario edile e consigliere comunale, candidato a diventare assessore la cui indole truffaldina ho interpretato sullo schermo».

Francesco Rosi spiritoso e colto amico di scrittori, filosofi e politici, ha cominciato come aiuto regista di Luchino Visconti con film come La terra trema e Senso. Di lui quando morì, Simonetta Diena ha scritto: «Con i suoi film denuncia, Rosi ci ha ricordato e ci ricorderà le macerie del nostro onore, della nostra dignità calpestata e ferita. Un messaggio artistico e psicoanalitico di inattaccabile attualità a lui e ad altri che come lui non hanno avuto paura, diciamo grazie!».

Teatro Palermo
Isabella Terruso

Una farsa senza tempo

Alularia, ovvero come rendere contemporaneo Plauto In scena dal 21 al 25 febbraio presso la Sala Grande del Teatro Biondo

Leggi Tutto »